Tu sei qui: Portale Corsi di Laurea Fisioterapia

Informazioni generali

 foto.jpeg

 

 

RIFERIMENTI - C.d.L.


 Presidente  Prof. Raoul Saggini   saggini@unich.it   0871 587107
 Coordinatore Prof. Giovanni Barassi

coorftgb@unich.it 

giovannibarassi@libero.it

 0871 587107

 Segretario

 Sig. Nicola Losacco  seg_fisioterapia@hotmail.com   0871 587107 / Fax 0871 575668

 
 
 
ABSTRACT


L'accesso è condizionato al superamento di un esame ed è limitato al numero stabilito annualmente dal Ministero e comunicato nel bando. I laureati in Fisioterapia, in riferimento alle diagnosi e alle prestazioni del medico, nell'ambito delle loro competenze, elaborano anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticano autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapie e occupazionali; propongono l'adozione di protesi ed ausilii, ne addestrano all'uso e ne verificano l'efficacia; verificano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale; svolgono attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali; svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.

 

 

 

Scheda del Corso di Laurea:

 

Classe: SNT/2

 

Titolo rilasciato:

 

laurea I livello in fisioterapia

Organizzazione (Presidente, Consiglio, docenti di riferimento):

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presidente: Prof. Raoul Saggini

 

Commissione Curriculuum:  Prof. Raoul Saggini, Prof.Roberta Di Pietro,

Prof. Aldo Bove, Prof. Rosa Grazia Bellomo

 

Coordinatore: Prof. Giovanni Barassi

 

Sede delle attivita' didattiche:

 

 

Viale Abruzzo n. 322 - Chieti Scalo (CH)

Risultati d'apprendimento previsti e competenze da acquisire

 

 

 

I laureati del corso di studio in fisioterapista sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 2, comma 1, operatori delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal relativo profilo professionale.
I laureati in fisioterapista sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro sia la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza il loro intervento riabilitativo e/o terapeutico in età evolutiva, adulta e geriatrica, sia la massima collaborazione con il medico e con gli altri laureati della classe o di altre classi dell'area tecnico-sanitaria. Devono inoltre saper utilizzare almeno la lingua inglese, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
I laurati in fisioterapista sono operatori sanitari che, ai sensi del D.M. del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 741, svolgono, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, a varia eziologia, congenita od acquisita. I laureati in fisioterapista, in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell'ambito delle loro competenze, elaborano, anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticano autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali; propongono l'adozione di protesi ed ausili, ne addestrano all'uso e ne verificano l'efficacia; verificano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale; svolgono attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali.
Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico del profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell'ambiente di lavoro.

Profili e sbocchi professionali:

 

 

 

 

 

 

 

I laureati in fisioterapista svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale

 

 

Ammissione: prerequisiti (consigliati/obbligatori), prove di ammissione e/o orientamento:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'accesso al I anno sarà subordinato al superamento di una prova di ammissione che consiste in quiz a risposta multipla su elementi di: Biologia, Chimica, Fisica/Matematica, Logica e cultura generale.

 

Articolazione in curricula:

 

 

percorso formativo unico

 

Tirocinio:

 

 

 

II tirocinio obbligatorio è una forma di attività didattica tutoriale che comporta per lo Studente l'esecuzione di attività pratiche con ampi gradi di autonomia, a simulazione dell'attività svolta a livello professionale.
In ogni fase del tirocinio obbligatorio lo Studente è tenuto ad operare sotto il controllo diretto di un Docente-Tutore. Le funzioni didattiche del Docente-Tutore al quale sono affidati Studenti che svolgono l'attività di tirocinio obbligatorio sono le stesse previste per la Didattica tutoriale svolta nell'ambito dei corsi di insegnamento.
Durante le fasi dell'insegnamento teorico-pratico, lo Studente è tenuto ad acquisire specifiche professionalità nel campo tecnico della prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali conseguenti ad eventi patologici a varia etiologia, congenita od acquisita. A tale scopo, lo Studente dovrà svolgere attività di tirocinio formativo-professionalizzante frequentando le strutture dei Servizi di diagnostica e di ricerca identificate dal CLF nei periodi dallo stesso definiti, per un numero complessivo di almeno 68 CFU nel triennio.
Le competenze tecniche e gestionali acquisite dallo Studente attraverso le attività di tirocinio formativo-professionalizzante è sottoposta a valutazione con modalità stabilite dal Consiglio Didattico, ed è espressa in trentesimi. Il Consiglio Didattico può identificare Strutture dei Servizi del SSN convenzionate con la Facoltà di Medicina dell'Ateneo presso le quali può essere condotto, in parte o integralmente, il tirocinio


Altre attivita' formative o professionali che forniscono CFU:

 

 

Prova finale: esame e modalita' di valutazione:

 

 

 

 

Lo Studente, al termine del proprio percorso formativo accede alla prova finale che il Consiglio Didattico predispone ai sensi del D.M./MURST n. 136 del 5/6/2001, art. 6 .
La Prova finale, consistente nella dimostrazione di abilità pratiche (Prova pratica) e nella redazione di un elaborato (Tesi di Laurea), è organizzata in due sessioni di norma, a marzo e ottobre.
La Commissione per la Prova finale è composta da non meno di 7 e non più di 11 membri, nominati dal Rettore su proposta del Consiglio Didattico.
Per essere ammesso a sostenere la Prova finale, lo Studente deve:

aver seguito tutti i 21 Corsi Integrati ed aver superato i relativi esami;

aver ottenuto, complessivamente, 180 CFU articolati nei tre anni di Corso di studio;

aver superato (votazione minima 18 trentesimi) il Tirocinio obbligatorio formativo professionalizzante;

aver consegnato alla Segreteria Studenti :

(entro e non oltre il 31/08 per la sessione autunnale ed entro e non oltre il 31/12 per la sessione straordinaria)

- il modulo della domanda di laurea al Magnifico Rettore, debitamente compilato,  con marca da  bollo di euro 14,62  corredata delle ricevute dei versamenti di euro 5,16 (tassa di Laurea)

e di euro 77,47 (tassa per il rilascio del diploma in pergamena) sul c/c 202663 intestato a "Università G.d'Annunzio" ;

 

- l' autocertificazione dei propri dati anagrafici

 

entro e non oltre 15 giorni lavorativi prima della Prova Pratica  abilitante alla professione consegnare in Segreteria Studenti:

- il libretto universitario (completo degli esami e delle firme di frequenza) ed il libretto del tirocinio (controllato e vidimato dal tutor responsabile)

 

entro e non oltre 7 giorni lavorativi prima della discussione di tesi:

- il CD con la tesi in formato file PDF

- una copia del frontespizio cartaceo della tesi( firmato in originale dal candidato e dal relatore);

- riepilogo alma laurea


Lo Studente, per poter discutere la Tesi di Laurea deve aver superato (votazione minima 18 trentesimi), la Prova di Prati fissata nella stessa sessione nella quale è compresa anche la dissertazione della tesi.
A determinare il voto della Prova finale, espresso in centodecimi, contribuiscono, sommati, i seguenti parametri:

la media in trentesimi (trasformata poi in centodecimi) ottenuta sommando i voti in trentesimi conseguiti sia nei 18 esami curriculari di Corso Integrato che nella valutazione del Tirocinio obbligatorio;

i punti attribuiti dalla Commissione alla Prova pratica (da 18/30 a 21/30 = punti 1; da 22/30 a 24/30 = punti 2; da 25/30 a 27/30 = punti 3; da 28/30 a 30/30 = punti 4);

i punti attribuiti dalla Commissione alla discussione della Tesi di Laurea (da zero fino ad un massimo di 6 punti).

La lode può venire attribuita, con parere unanime della Commissione, ai Laureandi che conseguano un punteggio finale maggiore di 110.

Nominativi dei docenti di riferimento per il corso:

 

 

 

 

 

 

 

BOVE Aldo
DI PIETRO Roberta
SAGGINI Raoul

BELLOMO Rosa Grazia

MOLINO Natalia Teresa

 

 

Nominativi dei tutor disponibili per gli studenti del corso:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Molino Natalia Teresa

Supplizi Marco

Di Marzio Morena
Visciano Christian
Barassi Giovanni
Occhiolini Rosella
Di Pietro Roberta
Bove Aldo

 

 

Tasse e contributi universitari

 

-

 

Servizi agli studenti (mobilita', diritto allo studio, ecc.)

-

 

Nominativi dei rappresentanti degli studenti

 

 

Parere delle parti sociali

-

 

Previsione dell'utenza sostenibile

 55

 

Incidenza degli abbandoni:

 

 

Tempi medi di conseguimento del titolo:

 

 

 3 anni

 

Percentuale dei laureati occupati dopo 12 mesi o fanno altro

 

-

 

Almalaurea: sintesi dei risultati dei questionari sulla soddisfazione dei laureati

 

-

 

Sintesi dei risultati dei questionari sulla soddisfazione degli studenti frequentanti

 

-

 

Data inserimento dati

 

30/011/2011



 

Azioni sul documento
  • Presidenza della Facoltà di Medicina e Chirurgia - Chieti, Via dei Vestini, 31 (tel. 0871-3554105/4172)
  • e-mail: servizididattici.med@unich.it
  •              Valido XHTML
  • Valido CSS